Pesca a Bolognese : la trattenuta in corrente. - Blog Raccontidipesca
Crea sito

Pesca a Bolognese : la trattenuta in corrente.

Scritto da DAVIDE MONA per Raccontidipesca

Pescare con la bolognese

Quando le acque si placano dopo una mareggiata, è il momento di lanciare le nostre lenze e di farle trasportare dalla corrente alla ricerca delle prede più belle .

Con l’avvicinarsi della primavera si avverte un naturale quanto prepotente rimescolio dentro di noi di tutte quelle sensazioni positive che inducono al risveglio delle passioni andate un po’ in letargo nei freddi mesi invernali . Lo stesso avviene anche in mare , dove grazie al riscaldarsi delle acque ,scatta il frenetico ripopolamento delle coste. Si ricominciano così ad avvistare le quasi dimenticate cacciate delle spigole a scapito di qualche incauto pesciolino, si rivedono le classiche bollate delle occhiate a galla, si torna ad allamare qualche bel sarago dal carattere tempestoso. Ma dove si riscontrano i maggiori benefici di questo incredibile risveglio, è in occasione di qualche bella quanto emozionante scaduta, possibilmente di scirocco vento favorevole alla pesca LINK ( articolo I venti favorevoli alla pesca )Affronteremo  questa situazione sicuri di raggiungere buoni risultati, armati della nostra solita bolognese montata con un insostituibile ovetto da tre grammi, e forti di un esca che sicuramente vive da protagonista questa tecnica ,ovvero la larva di mosca carnaria , al secolo bigattino . Spesso ci capita di assistere durante alcune delle nostre frequenti battute, a questo magnifico evento ,questo definiamolo “magic moment” che il mondo sommerso ci regala e che noi in nessun modo dobbiamo farci sfuggire. Quindi è nostra primaria intenzione in quest’articolo dedicato alla scaduta, mettere in risalto i punti chiave di come deve essere correttamente interpretata, per cercare di eliminare il più possibile le lacune dovute forse ad inesperienza o a una bagaglio tecnico puramente dulciacquicolo. Vi è un detto popolare che cita testuali parole: “ la differenza che passa tra un buon pescatore e uno meno bravo è soltanto nella conoscenza delle abitudini del pesce;  se sai come si comporta ,sai di conseguenza molto bene come fregarlo “. Né’ più né meno. Per esempio, pur utilizzando calamenti molto simili tra loro, siamo in grado durante una scaduta di decidere se insidiare un bel sarago, oppure una maestosa spigola e credeteci, sarà proprio quello che decideremo di insidiare che alla fine cattureremo.

Vogliamo dare la definizione di scaduta, quel periodo che intercorre tra una bella mareggiata e il ritorno alla calma delle acque. Il momento che più ci interessa e quando le acque passano dal caratteristico color marrone con presenza di forti onde al color verde smeraldo con poca onda con andamento ormai quasi regolare. Questa e la fase che ci interessa e che sfrutteremo utilizzando una discreta quantità di bigattini. Un fattore importante nella pesca in trattenuta in corrente e la scelta del luogo e di quegli elementi fisici come intensità e direzione della corrente  profondità e, non per ultimo, ostacoli presenti che potrebbero risultare fondamentali sull esito finale di un combattimento, bisogna essere anche un po’ veggenti. Bello essere in riva al mare in presenza di acque quasi calme e torbide abbiamo tutte le possibilita’ per fare una pescata da ricordare. Scelto il luogo di pesca potendo proveremo a sondare il fondo, un operazione che molto difficilmente  riesce in tali condizioni di moto ondoso. Comunque e’ regola fondamentale tarare la lenza con una profondita’ di circa un metro e mezzo superiore alla reale profondita’ marina presente in quel punto.

Cio’ per consentire all’esca di seguire piu’ facilmente la scia della pastura, e anche il piu’ naturale possibile.

Il tipo di piombatura della lenza è il fattore che ci permetterà di “scegliere” quale tipo di pesce insidiare. E’ noto che il sarago per esempio mangia più lentamente, quasi da fermo, quindi appesantendo la paratura e durante la nostra passata tratterremo la lenza, per far si che il movimento sia lento e compassato . invece per esempio sappiamo che la spigola è un insaziabile predatore quindi dovremmo avvalerci di una lenza morbida ,sulla quale opereremo una modesta trattenuta, facendo in modo che l’esca scorra con velocità costante .Dunque, per quanto riguarda diametro del monofilo e dimensioni del galleggiante, il calamento cui ci affideremo sarà simile qualunque sia il pesce che vorremo insidiare .

Cambierà invece la disposizione della piombatura, che sarà più raggruppata verso l’amo se intendiamo insidiare un bel sarago o un’orata, mentre sarà realizzata a scalare, cioè distribuita su tutto il finale lasciando liberi soltanto gli ultimi 70-80 centimetri, se intendiamo insidiare una famelica spigola.

Cosa si intende per pesca sportiva?
Cosa si intende per pesca sportiva?

La canna cui  ci affideremo  è una bolognese di sei metri c’è anche chi preferisce la sette metri , visti i materiali e il carbonio di ultima generazione utilizzato  che permette di avere tra le mani attrezzi veramente leggeri e resistenti anche nelle versioni più lunghe comunque la sei metri si rivela sempre versatile maneggevole anche pescando in condizioni meteo marine avverse.

pescatore a bolognese con mare in scaduta
Mare in scaduta

 Un calamento, veramente semplice, è costituito da un galleggiante piombato di peso variabile tra i 3 e i 6 grammi: il più utilizzato è senza alcun dubbio quello più leggero mentre il 6 grammi verrà montato in presenza di onda discreta e conseguente schiuma, in quanto più stabile e visibile . Esso sarà scorrevole e collocato sul filo del mulinello (0.18), logicamente vi sarà a  monte uno stop di lana e una perlina  scori filo mentre a valle è posizionata una perlina salva nodo e la girella del n. 18 valido anche l’ utilizzo di una girella tripla. A essa agganceremo il finale la cui lunghezza oscilla tra il metro e mezzo e i due metri e mezzo.  Il diametro del finale varia da uno 0.13 e uno 0.15  millimetri. La scelta  del diametro del filo spesso è influenzata anche dalle asperità del luogo di pesca prescelto. Il perché è facilmente intuibile; se dove stiamo pescando la fase di “guadinaggio” è difficoltosa utilizzeremo un diametro più grosso, quindi propenderemo verso lo 0.15 millimetri. Viceversa, se le difficoltà sono limitate e il colore delle acque tende a schiarire, propenderemo verso lo 0.13. l’amo sarà un numero 14, l’innesco è quello classico a tre bigattini, uno lungo l asse e due infilzati sull’apice. Operazione fondamentale in questa tecnica , a cui dovremo prestare particolare attenzione , è quella di ben individuare la direzione della corrente marina , in modo tale da essere sempre sicuri di pescare in pastura.

Scritto da DAVIDE MONA per Raccontidipesca

Se ti è piaciuto , e se pensi che piacerà anche agli amici, segnala questo post su FACEBOOK, o altri social  cliccando sul pulsante blu qui in basso. ovviamente restiamo in attesa dei vostri commenti felici di leggere le tue opinioni ed impressioni ci aiuterai a crescere.