NOZIONI DI SPINNING: GLI ARTIFICIALI – INTRODUZIONE E SOFTBAIT - Blog Raccontidipesca
Crea sito

NOZIONI DI SPINNING: GLI ARTIFICIALI – INTRODUZIONE E SOFTBAIT

Continuiamo con gli articoli dedicati allo spinning marino, affrontando quello che probabilmente è l’aspetto più affascinante ma al tempo stesso di difficile comprensione per chi si sta avvicinando a questa tecnica.

NOZIONI DI SPINNING: GLI ARTIFICIALI – INTRODUZIONE E SOFTBAIT
NOZIONI DI SPINNING: GLI ARTIFICIALI – INTRODUZIONE E SOFTBAIT

Con il termine “artificiali” vengono indicate tutte le esche artificiali utilizzabili a spinning ma vedremo presto che esistono delle differenziazioni all’interno di questa macro-categoria. Una prima differenziazione riguarda sicuramente il materiale di costruzione per cui avremo le SOFTBAIT che sono le esche artificiali in materiale siliconico; le HARDBAIT che sono quelle in materiale plastico e ligneo; i JIG che sono quelle in materiale metallico. Per far capire meglio di cosa parliamo cercherò di inserire anche qualche video per mostrarvi le modalità di recupero di ognuna di queste tipologie di esche. Bene cominciamo!

 

NOZIONI DI SPINNING: GLI ARTIFICIALI – I SOFTBAIT
NOZIONI DI SPINNING: GLI ARTIFICIALI – I SOFTBAIT
 GLI ARTIFICIALI – I SOFTBAIT
NOZIONI DI SPINNING: GLI ARTIFICIALI – I SOFTBAIT

Nella prima categoria troviamo le SOFTBAIT cioè le esche siliconiche. Queste esche si trovano in

NOZIONI DI SPINNING: GLI ARTIFICIALI – I SOFTBAIT
SPINNING: GLI ARTIFICIALI – I SOFTBAIT

commercio di due tipi: corpi

siliconici a cui noi dovremo aggiungere testa piombata o amo soltanto oppure artificiali già pronti. Il primo tipo è sicuramente indicato quasi esclusivamente alla ricerca della spigola, non fosse altro per la possibilità di lanciare queste esche (spesso leggere solo qualche grammo) in posti angusti, tra gli scogli dove la spigola è solita sostare per tendere agguati. Questo tipo di esche vanno fatte saltellare su fondali bassi oppure recuperati lentamente a mezz’acqua su fondali un po più alti. La seconda tipologia invece resta indicato per la spigola nelle misure più piccole (basti pensare al Black Minnow 120 che ormai è considerata la regina delle softbait per la spigola) oppure nelle misure più grandi (20-22 cm) per lo spinning pesante ai pelagici come i dentici o ai tonni.
Di seguito trovate tre video, due riguardano le softbait rivolte alla spigola e uno rivolto ai grossi predatori.

video SOFTBAIT DA ASSEMBLARE

video SOFTBAIT PREASSEMBLATO

video SOFTBAIT PREASSEMBLATO GROSSI PREDATORI

Scritto da :

Francesco Paradiso del 

gruppo FB OLIMPO MARE By O.D.P:

Se ti è piaciuto , e se pensi che piacerà anche agli amici, segnala questo post su FACEBOOK, cliccando sul pulsante blu qui in basso. ovviamente restiamo in attesa dei vostri commenti felici di leggere le tue opinioni ed impressioni ci aiuterai a crescere.